Crei la sua personalssima RIMOWA. SPEDIZIONE GRATUITA E RESTITUZIONE PER ORDINI SUPERIORI A 250€.

Close
Q+A: Ludwig Göransson per RIMOWA x Bang & Olufsen

March 27, 2019

Q+A: Ludwig Göransson per RIMOWA x Bang & Olufsen

Questa intervista è stata realizzata nell'ambito della collaborazione di RIMOWA e Bang & Olufsen.

 

Nell'ambito della collaborazione RIMOWA x Bang & Olufsen, il produttore e musicista Ludwig Göransson, vincitore del Grammy Award di Los Angeles, ha spiegato come gli errori commessi, l'immersione culturale attraverso i viaggi e il caos prodotto dai suoni organici della vita quotidiana lo aiutino a cambiare il modo di ascoltare e vedere il mondo. Tutti questi aspetti gli permettono di imparare continuamente, nutrendo in ultima analisi tutte le dimensioni del suo lavoro.

 

 

 

 

Sei originario della Svezia, ma ora vivi a Los Angeles. Perché LA? C'è qualcosa in particolare in questo luogo che ispira il tuo lavoro quotidiano?

 

Vivo in cima a una collina chiamata Griffith Park. Ogni giorno mi sveglio guardando le montagne e la cosa mi piace. Amo Los Angeles in particolare perché mi sembra che ci siano così tante parti del mondo in questa città. Puoi viaggiare in macchina e nel giro di un'ora ti ritrovi in cinque paesi diversi, cinque città diverse. La diversità è fonte di ispirazione. Ci si trova sempre circondati da tante lingue, cibi e culture diverse, c'è una tale energia.

 

 

In che misura i tuoi viaggi e la tua esposizione a culture diverse influenzano la tua identità ed evoluzione musicale?

 

Diversi luoghi del mondo possono ispirare diversi stili musicali che preesistono in noi. Luoghi insoliti possono farci agire in modo diverso. Molteplici ambienti possono avere un enorme impatto sul mio modo di comporre. Se mi trovo in un luogo freddo e isolato, la musica scaturisce dal nulla. In un luogo caldo, circondato da molte persone che ballano e ridono, la musica assume una forma diversa.

 

Il cuore e l'anima della colonna sonora di Black Panther hanno preso forma immergendomi nella ricca storia musicale dei Griot dell'Africa occidentale. Ho seguito questi brillanti musicisti in tutta la campagna senegalese, imparando il loro linguaggio musicale. Ho poi intrecciato queste melodie e questi ritmi, che sono stati tramandati ai Griot nel corso dei millenni, nel processo cinematografico dell'orchestra classica occidentale.

 

 

Quando ha capito di aver trovato la sua strada?

 

L'educazione musicale è davvero qualcosa di molto speciale in Svezia. Ci sono scuole di musica ovunque e l'istruzione è molto avanzata. Al liceo ho potuto comporre per un'orchestra sinfonica professionale. Ricordo ancora oggi di essermi seduto nella sala da concerto e di aver ascoltato l'orchestra suonare la mia musica per la prima volta. Ascoltare i musicisti suonare le note che io stesso avevo messo su carta ha cambiato completamente la mia vita. Era una sensazione così speciale che sapevo di voler rivivere l'esperienza più e più volte.

 

 

Quali sono per te gli "errori" nel tuo processo creativo?

 

Puoi sentire un errore durante uno scatto, o proveniente da uno strumento e, sul momento, puoi avere una reazione negativa. Tuttavia, ho notato nel mio modo di lavorare che questo è spesso qualcosa che posso raccogliere e utilizzare per creare un suono affascinante. Penso, ora più di prima, che gli errori siano più importanti. Questo è ciò che ci rende diversi ed è qualcosa che i computer non saranno mai in grado di imitare.

 

 

Qual è il tuo suono preferito?

 

Mi piacciono i suoni organici creati da esseri umani che suonano strumenti nella stessa stanza, musicisti che si cercano l'un l'altro e si collegano attraverso il suono in un momento molto specifico.

 

 

Due dei tuoi progetti di colonne sonore, "Creed" e "Black Panther", hanno riscosso un enorme successo. Come hai creato i suoni che gli hanno dato vita?

 

Per "Creed", sono andato in una palestra di boxe e ho trascorso due giorni con un pugile. Saltava la corda, colpiva il sacco, si esercitava nei combattimenti. Avevo con me la mia troupe di registrazione audio, e abbiamo registrato tutti i suoni e i ritmi [[associati] all'allenamento di boxe. Poi ho preso tutti questi elementi, li ho portati nel mio studio e li ho trasformati in elementi musicali che poi ho incorporato nella partitura. Questo è quello che mi piace fare per tutti i miei progetti: creare un ambiente sonoro personalizzato.

 

Per Black Panther, ho viaggiato in Africa per imparare e studiare la cultura e la musica africana, per potermi immergere veramente in essa. Ho dovuto comporre una musica che si adattasse alla visione del regista. È stata un'esperienza che mi ha cambiato la vita. Ho trascorso la maggior parte del mio tempo viaggiando in Senegal con musicisti incredibili. Sono andato in tour con Baaba Maal nel nord del Senegal ed è lì che ho incontrato alcuni meravigliosi strumentisti. Abbiamo registrato i suoni del tamburo parlante che è uno degli strumenti più antichi - è anche l'antenato del telefono, utilizzato come dispositivo di comunicazione - ed è diventato uno dei temi rappresentativi di Black Panther. Così ogni volta che T'Challa appare nel film, si sente il tamburo parlante che dice "sono io".

 

 

In che modo diresti che i tuoi due percorsi professionali, come produttore musicale e di colonne sonore, si nutrono l'uno dell'altro?

 

Sento di dover fare entrambe le cose per potermi realizzare pienamente. Comporre colonne sonore è una delle attività più solitarie al mondo. Ti siedi, chiudi a chiave la porta dello studio e passi ore da solo in una stanza buia. E un po' impazzisci. Perdi la testa.

 

Scrivere e produrre musica per un artista è qualcosa di veramente unico, soprattutto quando lavoro con artisti con background totalmente diversi dal mio. Quando la musica non mi viene naturale, cerco di entrare nelle loro teste. Lavoriamo e scriviamo musica insieme. È un'attività che mi spinge a imparare costantemente, a scoprire nuova musica e a raccogliere nuove idee. È un modo affascinante per capire ancora di più la musica e per migliorare me stesso come musicista.

 

 

Che ruolo ha il viaggio nella tua vita?

 

Viaggiare è una parte fondamentale della mia vita. Mi ispira, mi porta in posti nuovi, mi introduce a suoni inediti e mi permette di esplorare ambienti e mondi musicali sconosciuti. In ogni parte del mondo c'è qualcosa di nuovo da scoprire; c'è sempre nuova musica, nuovi suoni da creare. Mi piace anche l'incertezza del viaggio. Andare in un nuovo angolo del mondo, in un nuovo paese, dove non si ha idea di cosa ti aspetta. Sentire un suono quando meno te lo aspetti può cambiare totalmente la tua visione e la percezione dei suoni.

 

 

Hai detto di aver viaggiato molto in cerca di nuovi suoni e ispirazioni. Quando ti sposti ogni giorno o viaggi per lavoro, come trovi il tuo spazio interiore nei luoghi rumorosi? Come ci si connette alla propria tranquillità quando tutto è chiassoso?

 

Mi piace pensare di essere solo, circondato dal caos. Mi piace potermi isolare da tutto ciò che mi circonda e amo stare nella mia testa. C'è una parte stimolante e gratificante nel viaggiare e nel camminare in luoghi stressanti e nel saper trovare pace e tranquillità.

 

 

Da quali esperienze trai ispirazione?

 

Come artista, penso che siamo sempre alla ricerca di quei momenti in cui il tempo smette di esistere; quando ti ritrovi a fluttuare; quando stai creando e non hai idea di che ora sia, o dove sei o con chi sei - è quel momento che ti trasporta, una specie di nirvana. Penso che sia una sensazione che cerchiamo sempre di raggiungere, ed è qualcosa che ti fa andare avanti, perché è questa sensazione che ti ispira.

 

 

Il design gioca un ruolo nel modo in cui ti rapporti alla musica e ai viaggi?

 

Mi piace usare le cuffie che ci fanno sentire un tutt'uno con il nostro corpo, ed è quello che fa Bang & Olufsen. È come se le cuffie fossero un'estensione delle nostre orecchie. Quando le indosso, mi sento sempre come se fossero fatte apposta per me. Sono progettate in modo molto semplice e confortevole e introducono nuovi aspetti del prodotto.

 

Lo stesso vale per RIMOWA. Mi piace molto la raffinatezza e la semplicità del design. Preferisco quando i prodotti ci rendono la vita più semplice, soprattutto nell'ambiente in cui oggi viviamo. RIMOWA aiuta a semplificare la mia vita, mi dà gioia quando viaggio e mi sembra di portare con me una parte della mia casa in giro per il mondo - parte di ciò che sono.

 

 

Ci sono persone intorno a te che ammiri?

 

Ho la fortuna di lavorare con alcuni incredibili collaboratori che non smettono mai di stupirmi e ispirarmi. Soprattutto con Ryan Coogler e Donald Glover, mi tengono sempre sul filo del rasoio e mi ispirano. Non sai mai in che direzione vanno e non sai mai come andrà a finire. Sai che sarà fantastico, ma non sai mai come ci arriverai. È il viaggio che lo rende eccitante.

 

 

L'istinto e la pancia ti guidano, o hai un metodo per raggiungere l'ispirazione?

 

Normalmente, è il percorso più inaspettato che porta ai momenti più stimolanti. Possono essere ore di esperimenti falliti che ci catturano in una spirale, ma tu continui sulla stessa strada perché una voce interiore ti dice di farlo. Penso che se rimaniamo concentrati e continuiamo anche quando ci sembra di commettere un errore o quando ci sentiamo persi, facendo un passo indietro, schiarendoci la mente, andando a fare una passeggiata fuori o facendo una breve pausa, sentiamo le cose in modo totalmente diverso quando torniamo. Poi ci rendiamo conto che la strada che pensavamo fosse sbagliata, "in realtà, è quella che cercavamo di fare per tutto il tempo".

 

 

Qual è stata la tua formazione e il tuo background? Hai ricevuto un'istruzione classica o hai trovato la tua strada in un altro modo?

 

La mia educazione musicale è stata nell'improvvisazione - imparare cos'è la forma d'arte e capire i diversi modi di improvvisare. Questa capacità è qualcosa a cui tengo molto e che uso ogni giorno nel mio processo creativo. Mi piace l'idea di usare l'improvvisazione ogni giorno e di trovare percorsi diversi per raggiungere i miei obiettivi, strade alternative per trovare la mia ispirazione. Mi piace molto improvvisare con altri musicisti e vivere il momento. Ogni giorno tutto ciò che mi circonda può influenzare il mio modo di improvvisare. Il mio sogno è quello di essere sempre ispirato da ciò che mi circonda. Sentirmi come se mi stessi sviluppando ed evolvendo come musicista e come persona. E non smettere mai di imparare. Non voglio mai fermarmi. Non voglio mai smettere di creare.

 

 

Cosa ti fa andare avanti?

 

Quando lavoro a un film o a un album, una cosa che mi spinge è cercare di creare qualcosa che non sapevo di essere in grado di creare. Trovare nuovi modi di scrivere musica in un modo che non ho mai fatto prima.

 

 

Cosa non hai ancora fatto che non vedi l'ora di fare?

 

Amo registrare suoni organici e trasformare quei suoni in qualcosa che non ho mai sentito prima. Penso che sia interessante attingere a rumori che sono familiari e trasformarli in qualcosa di nuovo e insospettabile. Mi piace la nostalgia che ne deriva.